19 gennaio 2019

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiosità
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 

Accessi:
1958485
 
 
 
Utenti online:
3
 
 
___SEGUICI SU TWITTER___
 
  SEGUICI    SU   TWITTER
 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
NON RICEVI LA NEWSLETTER?
 
Se sei iscritto e non ricevi la newsletter o se hai cambiato indirizzo  rinnova qui l'iscrizione
 
Convenzione AiFOS porreca.it.
 

E' stata attivata una convenzione con l’AiFOS in base alla quale porreca.it si è impegnato a fornire agli iscritti all’AiFOS che ne facciano richiesta un abbonamento annuo ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello praticato normalmente agli utenti e una informativa su Corsi e Convegni segnalati. Per informazioni conttatta info@porreca.it.

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (472): sull'obbligo di formare in materia di salute e sicurezza sul lavoro il soggetto delegato delle funzioni ex D. Lgs. n. 81/2008 a cura di G. Porreca.
 

In una azienda con un RSPP esterno il datore di lavoro è tenuto a formare in materia di salute e sicurezza sul lavoro il delegato ex art. 16 del D. Lgs. n. 81/2008 facendolo frequentare il corso di 16 ore per dirigenti previsto dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011? 
Risposta a cura di G. Porreca
       Il quesito formulato dal lettore, finalizzato a conoscere se il soggetto al quale il datore di lavoro ha conferito una delega di funzioni ai sensi dell’art. 16 del D. Lgs. n. 81/2008 deve essere formato in materia di salute e sicurezza su lavoro seguendo in particolare le indicazioni fornite dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione dei dirigenti, è strettamente collegato al quesito n. 267 pubblicato nella rubrica dei Quesiti sulla applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 di questo stesso sito e riguardante...................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (484): sull'obbligo della nomina del medico competente e sui lavoratori da sottoporre a sorveglianza sanitaria.
 

In merito alla sorveglianza sanitaria negli ambienti di lavoro esiste un obbligo legislativo ineludibile verso la nomina del Medico Competente in qualsivoglia attività o è conseguente alla valutazione dei rischi presenti e valutati? Se tra i dipendenti vi sono alcuni che non sono esposti a rischi specifici mentre altri sono soggetti ad esempio alla mmc è giusto sottoporre a sorveglianza sanitaria solo questi ultimi e non i primi?
 Risposta a cura di G. Porreca
     Il quesito al  quale si dà riscontro è analogo a quello riportato nella rubrica dei Quesiti sull’applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 di questo stesso sito e individuato con il n. 483 ed è finalizzato a conoscere se l’obbligo di nominare il medico competente sussiste sempre per tutte le aziende o se tale nomina è legata all’esito della valutazione dei rischi e alla presenza nell’azienda stessa di lavoratori da sottoporre a sorveglianza sanitaria e a conoscere altresì ...................

 
Sentenza Cassazione (564): sulla configurabilità di un cantiere in rappoto all'approvazione della licenza edilizia - Sezione IV penale - Sentenza n. 43840 del 3 ottobre 2018.
 

Ha rilievo, ci si chiede, la mancata approvazione di una licenza edilizia sulla configurabilità o meno di un “cantiere edile” così come definito dal D. Lgs. n. 81/2008? Un argomento al centro di lunghe discussioni fra gli operatori di sicurezza. Si è espressa in merito la Corte di Cassazione argomentando il suo parere.   

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
Quesito D. Lgs. 81/08 (499): sull'addestramento degli operatori addetti all'utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni in una società sportiva dilettantistica a cura di G. Porreca.

Un quesito questo, alla soglia dei 500 quesiti sull'applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. nell'apposita rubrica riportata su questo sito, riguardante un obbligo da poco entrato in vigore e cioè la tenuta a disposizione nelle strutture sportive dilettantistiche di un defibrillatore semiautomatico esterno (DAE) e sulla presenza nelle stesse di personale addestrato all'utilizzo di tale apparecchiatura, Risposta a cura di G. Porreca.

 
 
 
Siglato da Cgil Cisl Uil e Confindustria un accordo sulla sicurezza sul lavoro.

E’ stato siglato il 12 dicembre 2018, nel corso di un incontro tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria, un primo accordo di attuazione del Patto per la Fabbrica in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Parte integrante dell’Intesa è stato l’Accordo Interconfederale sulla Rappresentanza e Pariteticità in materia di salute e sicurezza sul lavoro. E' stato integralmente rivisto l’Accordo Interconfederale del 22 giugno 1995.

 
 
 
Sentenza Cassazione (575): sulla valutazione dei rischi interferenziali fra committente e appaltatore - Sezione III penale - Commento a cura di G. Porreca.

La Corte di Cassazione si è occupata in una recente sentenza della Sezione III penale dei rischi fatti correre ai lavoratori di una ditta appaltatrice per eseguire dei lavori di pulizia e di manutenzione di un forno inceneritore esprimendosi su quando i rischi stessi siano da considerarsi specifici o interferenziali ai fini dell'applicazione dell'art. 26 del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.. Il commento a cura di G. Porreca.

 
 
 
Convegno AiFOS sulla Logistica e Trasporti in sicurezza Brescia 7 febbraio 2019.

L’AiFOS, Associazione Italiana Formatori ed Operatori di Sicurezza, organizza un Convegno di studio e approfondimento sul tema “Logistica e trasporti in sicurezza” che si svolgerà a Brescia il 7/2/2019 dalle 14.30 alle 17.30 presso la Direzione Nazionale AiFOS in via Branze 45 c/o Palazzo CSMT Università degli Studi di Brescia. E' previsto il rilascio di crediti per Formatori, CSP e CSE.

 
 
 
E' pronta la norma che regolerà il contratto di lavoro dei Riders.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha comunicato che è pronta la norma per la tutela del lavoro dei Riders, i moderni ciclofattorini, e di chi è occupato nel food delivery. La nuova legge, che sarà pubblicata entro marzo, affronterà aspetti come la tutela per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e il salario minimo per i lavoratori che effettuano consegne per conto delle app di food delivery.

 
 
 
Si ripropone uno dei quesiti più letti della banca dati. Riguarda l'aggiornamento degli addetti alla prevenzione incendi e lotta antincendio.

Si ripropone il quesito (493), uno dei quesiti più letti della banca dati. Gli addetti alla prevenzione incendi e lotta antincendio devono aggiornare la loro formazione secondo il D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. ma quale è il riferimento normativo per quanto riguarda la periodicità dell’aggiornamento nonché la durata e i contenuti dei corsi da frequentare? La risposta di G. Porreca.

 
 
 
Scaduto il 31/12/2018 il termine ultimo per l’aggiornamento dei lavoratori agricoli con esperienza pregressa valido come abilitazione all’uso delle macchine agricole.

E' scaduto il 31/12/2018 il termine ultimo concesso ai lavoratori agricoli con esperienza pregressa di almeno 2 anni alla data di entrata in vigore dell'Accordo Stato Regioni del 22/2/2012 per frequentare il corso di aggiornamento valido come abilitazione all’uso delle macchine agricole. Quei lavoratori agricoli con esperienza pregressa che non avessero provveduto ad aggiornarsi entro il 31/12/2018 dovranno ora frequentare l'intero corso di formazione per avere il riconoscimento dell’abilitazione all’uso delle macchine agricole.






 
 
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 aggiornato a dicembre 2018.
 
     Consulta
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (494): suila organizzazione dell'aggiornamento dei preposti e sulla durata dei relativi corsi a cura di G. Porreca.
 

Gestisco un centro di formazione e sono stato incaricato da un’azienda di organizzare un corso di aggiornamento dei preposti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. E’ vero che per impartire tale aggiornamento, come mi è stato riferito da qualcuno, il centro deve essere in possesso dell’accreditamento della Regione? La durata del corso di aggiornamento dei preposti, inoltre, considerato che la loro formazione è “aggiuntiva “ rispetto a quella dei lavoratori, deve essere di 6 o di 12 ore (6 come lavoratore + 6 ore per il ruolo di preposto)?
Risposta a cura di G. Porreca
     Oggetto del quesito al quale si dà riscontro è l’aggiornamento dei preposti e il lettore che lo ha formulato e che gestisce un centro di formazione chiede in particolare di sapere se per organizzare il corso di aggiornamento deve essere accreditato presso la Regione e di conoscere, considerato che la formazione dei preposti è “aggiuntiva” rispetto a quella dei lavoratori, se la durata del corso di aggiornamento di tali figure deve essere di 6 ore o di 12 ore e cioè 6 come lavoratore e 6 come preposto. Per rispondere al quesito è opportuno.,...................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (488): suila formazione dei lavoratori neoassunti in materia di salute e sicurezza sul lavoro a cura di G. Porreca.
 

Per quanto riguarda la formazione dei lavoratori neoassunti è sempre valido quanto riportato al punto 10 dell' Accordo Stato regioni del 21/12/2011 inerente le disposizioni transitorie di prima applicazione, il cui relativo percorso formativo deve essere completato entro e non  oltre 60 giorni dalla assunzione?
     Risposta a cura di G. Porreca
     Lo scrivente in passato ha già dato riscontro ad un quesito analogo riguardante la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro dei lavoratori neoassunti, quesito consultabile con il numero 241 nella rubrica dei quesiti sulla’applicazione del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. di questo stesso sito per cui, per rispondere al quesito formulato dal lettore in questa occasione, ritiene di rinnovare le stesse osservazioni già formulate in quella circostanza. L’obbligo da parte del datore di lavoro di ...................

 
Sentenza Cassazione (565): sulla responsabilità per un sinistro stradale dovuto a un'inidonea segnalazione dei lavori - Sezione IV penale - Sentenza n. 29291 del 26 giugno 2018.
 

Per un sinistro stradale originato da un’inidonea segnalazione di un cantiere in corso nessuna responsabilità si può attribuire all’autista che lo ha provocato se risulta che una migliore segnaletica avrebbe diminuito il rischio che lo stesso accadesse.

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it