01 febbraio 2015

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Linee guida
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Norme e prassi
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Quesiti
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiosità
 
Curriculum Vitae
 

Accessi:
1322150
 
 
 
Utenti online:
2
 
 
Incontro con Guariniello e Porreca organizzato da Brixia Solutions a Baronissi (Sa) il 12/12/2014.
 

     Il Report     
    
Intervista a Guariniello
     Intervista a Porreca

 
Convegno Aias Porreca.it Centro Studi Isforp Bari 19 settembre 2014.
 

Porreca.it, con la collaborazione di Aias e Centro Studi Isforp, ha organizzato un Convegno sul tema “Venti anni di sicurezza europea dal 626/1994 al 81/2008 e successive decretazioni: novità e futuri sviluppi” che si è svolto a Bari venerdì 19 settembre 2014 dalle ore 9.00 alle ore 13.30 presso la Fiera del Levante sul Lungomare Starita nella Sala “Biancospino” del Padiglione 10.
        Il video del Covegno
       
Gli Atti del Convegno

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (361): sulla abilitazione degli operatori addetti all'utilizzo di particolari attrezzature di lavoro a cura di G. Porreca.
 

Se un lavoratore dimostra che all’entrata in vigore dell’Accoro del 22/2/2015 sull’abilitazione per la conduzione di particolari attrezzature era già esperto nell’utilizzo di una delle attrezzature previste dall’Accordo stesso può essere esonerato dal frequentare entro 24 mesi il relativo modulo pratico. L’impresa utilizzatrice inoltre da cui dipende può provvedere a formarlo nell’ambito della propria azienda?
Risposta a cura di G. Porreca
     All’avvicinarsi della scadenza dei 24 mesi dall’entrata in vigore dell’Accordo del 22/2/2013 sull’abilitazione alla conduzione di particolari attrezzature di lavoro di cui all’articolo 73 comma 4 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i., ecco che rispunta qualche quesito che chiede chiarimenti in merito all’applicazione dell’Accordo medesimo. Questa volta il quesito riguarda quei soggetti che alla data di entrata in vigore del citato Accordo, e cioè al 12/3/2013, erano già pratici nell’utilizzo di una delle particolari attrezzature e viene chiesto se questi, considerata la loro esperienza, possono essere quanto meno esonerati dal frequentare il modulo pratico. I lavoratori.................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (358): sulla redazione del POS nel caso di Associazione Temporanea di Imprese a cura di G. Porreca.
 

Nel caso di una A.T.I. fra due imprese edili, che prestano entrambe le proprie maestranze all'interno del cantiere, il POS deve essere redatto da ognuna di esse oppure può essere fatto un POS unico congiunto?
Risposta a cura di G. Porreca
     Per rispondere al quesito, finalizzato a sapere se le imprese di una associazione temporanea di imprese operanti in un cantiere temporaneo o mobile siano tenute ad elaborare piani operativi di sicurezza distinti o se ne possano predisporre uno unico, è opportuno, oltre a richiamare gli obblighi che si riferiscono alla redazione di tale documento ed i contenuti minimi che lo stesso deve possedere, precisare quella che è da considerarsi una associazione temporanea di imprese e quella che è la sua organizzazione ed articolazione. Per quanto riguarda il POS................

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
Quesito D. Lgs. 81/08 (364): sull'obbligo di collaborazione del datore di lavoro con gli organismi paritetici per la formazione dei lavoratori a cura di G. Porreca.

Torna in un quesito un argomento sul quale esistono incredibilmente ancora dei dubbi. Può un Ente di formazione, accreditato presso la Regione e autorizzato dalla stessa ad erogare corsi di formazione in materia di sicurezza, rilasciare attestati senza avvalersi della collaborazione di un Ente Bilaterale? Risposta a cura di G. Porreca.

 
 
 
In programma a Trani un Corso per coordinatori per la sicurezza organizzato dall'Ordine degli Architetti e dalla ASL BAT.

L’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Barletta-Andria-Trani, con il patrocinio della ASL Bat, organizzano un Corso di abilitazione professionale per CSP e CSE della durata di 120 ore che si svolgerà a Trani presso lo Sporting Club in via Astor Piazzolla n. 2. Fra i docenti l'ing. Gerardo Porreca.

 
 
 
Sentenza Cassazione (374): sull'obbligo della organizzazione e della gestione aziendale della sicurezza sul lavoro - Sez. IV penale - Commento a cura di G. Porreca.

Ribadito dalla Cassazione in una sentenza un principio basilare. Non sono delegabili da parte del datore di lavoro le scelte generali di politica aziendale dalle quali possono derivare carenze strutturali e l’organizzazione della sicurezza di cui la elaborazione del documento di valutazione dei rischi costituisce l'architrave. Il commento di G. Porreca.

 
 
 
Un libro di Carlo Zamponi edizione Aifos sulla gestione e organizzazione della sicurezza.

Si segnala un libro di Carlo Zamponi, consigliere Aifos, su “La gestione e l’organizzazione della sicurezza e della salute in azienda: la nuova prevenzione per la tutela dei lavoratori come obiettivo aziendale” ediz. 2014 con presentazione di Rocco Vitale, Presidente Aifos, e introduzione di Lorenzo Fantini, Direttore dei Quaderni della Sicurezza Aifos.

 
 
 
Fornite dalla Regione Piemonte delle indicazioni tecniche per la gestione in sicurezza di particolari operazioni di cantiere.

La Regione Piemonte in una pubblicazione ha fornito delle indicazioni tecniche per la gestione in sicurezza di particolari situazioni di cantiere, Riguardano il sollevamento in quota di carichi unitari e non mediante l'uso di forche, le interferenze durante l'utilizzo di una gru a torre ed i parapetti realizzati con elementi prefabbricati.

 
 
 
Convegno Ordine degli Ingegneri Udine 19 febbraio 2015.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Udine e Confindustria Udine organizzano un Convegno sul tema “Macchine nuove e usate: Sicurezza nella gestione, aspetti tecnici e legali” che si svolgerà a Udine giovedì 19 febbraio 2015 a partire dalle ore 14.30 presso la Confindustria Palazzo Torriani Largo Carlo Melzi 2.

 
 
 
Aggiornato dal Ministero del Lavoro al 20/1/2015 l'elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha aggiornato con il Decreto Dirigenziale del 20/1/2015 l'elenco dei soggetti abilitati ad effettuare le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro ex art. 71 del D. Lgs n. 81/2008. Il nuovo elenco sostituisce integralmente quello già allegato al Decreto Dirigenziale del 29/9/2014.

 
 
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (363): sull'aggiornamento degli operatori addetti all'utilizzo di particolari attrezzature di lavoro a cura di G. Porreca.

In cosa deve consistere, chiede un lettore, l'aggiornamento degli operatori addetti all'utilizzo di particolari attrezzature di lavoro di cui all'Accordo Stato-Regioni del 22/2/2012? In una prova pratica e verifica finale di apprendimento con test pratico o deve contenere anche una parte teorica e un test scritto? La risposta a cura di Gerardo Porreca.

 
 
 
Emanato un altro decreto attuativo del D. Lgs. n. 81/2008. E' la volta della sicurezza sul lavoro nelle amministrazioni della Giustizia.

Pubblicato sulla G. U. n. 15 del 20/1/2015 il Decreto del Ministero della Giustizia n. 201 del 18/11/2014 contenente il regolamento per l'applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 nell’ambito delle amministrazioni della Giustizia, carceri comprese, per tenere conto delle particolari effettive esigenze connesse al servizio espletato nelle stesse.

 
 
 
Sentenza Cassazione (373): sulla responsabilità dell'appaltante per l'infortunio di un dipendente dell'appaltatore - Commento a cura di G. Porreca.

Una sentenza della Cassazione riguardante l'art. 26 del D. Lgs. n. 81/08. In tema di tutela dei lavoratori la responsabilità del datore di lavoro committente non è esclusa dal fatto di avere appaltata l’esecuzione di un’opera a altra ditta atteso che entrambe le ditte debbono cooperare all’attuazione delle misure di sicurezza. Commento di G. Porreca.

 
 
 
Convegno AiFOS Venaria Reale (To) 27 febbraio 2015

L’AiFOS, Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul lavoro, organizza un Convegno sul tema “SICUREZZA NEGLI EDIFICI SCOLASTICI. Progetti, soluzioni e prospettive” che si svolgerà a Venaria Reale (To) Cascina Medici del Vascello venerdì 27 febbraio 2015 dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Convegno ad iscrizione obbligatoria.

 
 
 
Dalla ULSS 9 Treviso FAQ Domande frequenti sull'applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i..

L'Azienda ULSS9 Treviso ha curato una pubblicazione contenente la risposta alle domande più frequenti riguardanti l'applicazione delle disposizioni di cui al D. Lgs. n. 81/2008 fra cui quelle sulla valutazione dei rischi, sulla gestione delle emergenze, sulla formazione, sulla sorveglianza sanitaria, sui cantieri, sulle macchine e sui DPI.

 
 
 
Corsi SIE Teorico-Pratici di ergonomia Bologna 4, 5 e 6 febbraio 2015.

Organizzati dalla SIE, Società Italiana di Ergonomia, si svolgeranno a Bologna nei giorni 4, 5 e 6 febbraio 2015 presso l’aula al 2° piano dell'Inail in via Gramsci 4 delle “GIORNATE TEORICO-PRATICHE DI ERGONOMIA: IL SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI”. I Corsi sono validi per 10 crediti ECM.

 
 
 
Pubblicato dall'Inail un Quaderno sulla sicurezza di scale portatili e sgabelli.


Pubblicato dall’Inail un opuscolo sulla sicurezza di "Scale e sgabelli". E' uno strumento d'informazione utile per il corretto utilizzo delle scale e sgabelli.  Per ogni tipo di scala sono riportati i requisiti minimi di sicurezza nonché delle indicazioni rivolte ad una scelta del modello più adatto da utilizzare ed i comportamenti per prevenire una caduta accidentale.

 
 
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (362): sulla incompatibilità fra CSE e datore di lavoro delle imprese esecutrici a cura di G. Porreca.

Può un’impresa committente di un’opera edile nominare come CSE il datore di lavoro di una impresa esecutrice appaltatrice, se in possesso dei requisiti richiesti dalle disposizioni di cui al D. Lgs. n. 81/2008, o opera la incompatibilità di cui all’articolo 89 comma 1 lettera f) dello stesso decreto legislativo? La risposta a cura di Gerardo Porreca.

 
 
 
Login per l’area riservata
USERNAME
PASSWORD
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
DICONO DI NOI
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. aggiornato a novembre 2014
 
     Connsulta
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (360): sull'addestramento per l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale di III categoria a cura di G. Porreca.
 

Un addetto all’uso di una piattaforma di lavoro elevabile che ha frequentato il corso previsto dall’Accordo Stato Regioni del 22/2/2012 deve svolgere anche il corso per  l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale di III categoria?
Risposta a cura di G. Porreca
     Per poter dare un riscontro al quesito formulato dal lettore finalizzato a conoscere se chi ha frequentato il corso per l’abilitazione alla conduzione di una piattaforma di lavoro elevabile, così come previsto dall’Accordo Stato Regioni del 22/2/2012 relativo alla conduzione di particolari attrezzature di lavoro, può anche non essere addestrato all’uso della cintura di sicurezza, è necessario esaminare le fonti normative alle quali fanno capo gli obblighi corrispondenti. L'obbligo dell’addestramento dei lavoratori all’uso di un DPI di III categoria.................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (359): sulla sanzione da applicare nel caso di mancata valutazione dei rischi nell'utilizzo degli impianti elettrici.
 

Si può applicare alla figura del dirigente di una azienda la sanzione per non aver fatta la valutazione dei rischi connessi all’impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici secondo le condizioni, le caratteristiche e i rischi presenti nell’ambiente di lavoro di cui all’art. 80 comma 2 del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., considerato che l’obbligo della valutazione dei rischi è in generale indelegabile ed è posto ad esclusivo carico del datore di lavoro? 
Risposta a cura di G. Porreca
      L’obbligo della valutazione dei rischi presenti in un luogo di lavoro è contenuto, in linea generale, anche se non proprio specificatamente e direttamente indicato, nell’art. 17 comma 1 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, secondo il quale “1. Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall'articolo 28; b) la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi”, articolo................

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it