28 maggio 2016

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiosità
 
Curriculum vitae
 

Accessi:
1453568
 
 
 
Utenti online:
1
 
 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (414): sulla abilitazione alla conduzione di escavatori idraulici e di pale caricatrici frontali a cura di G. Porreca.
 

Per lo svolgimento dei corsi di abilitazione per la conduzione di Macchine Movimento Terra, la prova pratica per escavatori sopra 6000 kg e pale caricatrici frontali sopra 4500 kg deve essere eseguita con macchine di tale massa operativa minima, oppure si possono usare macchine più piccole? Sull’argomento ci sono opinioni contrastanti.

Risposta a cura di G. Porreca

     Il quesito della settimana riguarda questa volta il campo della formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, un campo per il quale vengono spesso sollevati dubbi sulla applicazione delle relative disposizioni di legge e sulle indicazioni fornite dagli Accordi della Conferenza Stato Regioni, dubbi legati però non tanto alla poca chiarezza delle disposizioni stesse ma ad interpretazioni strumentali e finalizzate spesso al raggiungimento di interessi e non anche ad assicurare agli operatori di sicurezza una corretta formazione, ed un campo..................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (413): sull'obbligo di redigere il piano di emergenza antincendio nei cantieri temporanei o mobili.
 

Nei cantieri temporanei o mobili c’è l’obbligo di redigere il piano di emergenza e di evacuazione nel caso che nello stesso lavorino più di dieci unità? 
Risposta a cura di G. Porreca
     Il quesito, finalizzato a sapere se sussiste l’obbligo o meno di redigere il piano di emergenza antincendio nel caso dei cantieri temporanei o mobili di cui al Titolo IV del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. se nello stesso operino più di dieci unità, è legato certamente alla convinzione molto diffusa che nei cantieri edili non sussiste un vero e proprio pericolo di incendio la cui presenza costituisce il motivo per cui viene richiesta la elaborazione del piano medesimo. Le cose però non stanno così in quanto................

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
Quesito D. Lgs. 81/08 (416): sulla possibilità da parte del datore di lavoro di delegare l'adempimento degli obblighi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Chiesti da un lettore, con riferimento alla risposta al quesito n. 415 inserito nella rubrica dei quesiti di questo sito, alcuni chiarimenti sulla possibilità o meno da parte del datore di lavoro di delegare l'adempimento degli obblighi in materia di salute e di sicurezza sul lavoro posti a suo carico. Le precisazioni a cura di G. Porreca.

 
 
 
Il Ministero del Lavoro riferisce sulla vigilanza "fiere e palchi" nei primi tre mesi del 2016.

Il Ministero del Lavoro riferisce sull'attività svolta dal personale ispettivo nei primi tre mesi del 2016. E' stato effettuato un maggior numero di controlli sulle attività di allestimento e disallestimento di strutture fisse e mobili realizzate in occasione di spettacoli, mostre e fiere. Segnalato un aumento delle violazioni e delle sanzioni irrogate.

 
 
 
Sentenza Cassazione (445): Sull'applicazione del principio della massima sicurezza tecnologica possibile - Sezione IV penale - Commento a cura di G. Porreca.

La Cassazione sul principio della migliore tecnologia fattibile: qualora lo sviluppo delle conoscenze portino alla individuazione di tecnologie più idonee a garantire la sicurezza non si può pretendere che l’imprenditore proceda ad una sostituzione immediata di quelle precedentemente adottate. Il commento di G. Porreca.

 
 
 
Corso Ordine Ingegneri Bari sulla protezione da esposizione ai CEM Bari 20 e 21 giugno 2016.

L'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bari organizza un corso sulla "Protezione da esposizione ai campi elettromagnetici nei luoghi di lavoro" che si svolgerà a Bari il 20 e 21 giugno 2016 presso la sede dell'Ordine in viale Japigia 184. Per la partecipazione all'evento saranno riconosciuti n. 14 Crediti Formativi Professionali.

 
 
 
La Commissione Interpelli ha risposto a sei nuovi quesiti rivolti al Ministero del Lavoro.

La Commissione Interpelli ha dato riscontro a nuovi quesiti riguardanti l'applicazione del D. Lgs. 81/2008 agli studi associati degli infermieri, la formazione del datore di lavoro, dirigente e preposto dell'impresa affidataria, la sorveglianza sanitaria dei lavoratori distaccati, la valutazione dei rischi chimici e la gestione dell'amianto negli edifici.

 
 
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (415): sulla possibilità di delegare l'obbligo di redigere il POS e il Duvri.

Può un datore di lavoro delegare l’obbligo di redigere il piano operativo di sicurezza (POS) ad un tecnico della propria impresa? E può altresì delegare l’obbligo di redigere il documento unico di valutazione dei rischi interferenziali (Duvri) nel caso di ricorso ad un appalto interno? La risposta a cura di G. Porreca.

 
 
 
Corso Coid di formazione coordinatori per la sicurezza Bari maggio 2016.

La Coid Formazione e Certificazione organizza un Corso di formazione per coordinatore della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili (All. XIV D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.) che si svolgerà presso la sede Coid  di Bari ubicata in via Papa Giovanni Paolo I 10/h a partire dal 23 maggio 2016. Fra i docenti l’ing. Gerardo Porreca.

 
 
 
Sentenza Cassazione (444): sulla posizione di garanzia del preposto a tutela della incolumità dei lavoratori - Sezione IV penale - Commento a cura di G. Porreca.

Fornita dalla Cassazione in una recente sentenza una precisazione  in merito alla responsabilità o meno di un preposto per l'infortunio di un lavoratore. Risponde dell'infortunio occorso in violazione degli obblighi derivanti dalla sua posizione di garanzia purché abbia i poteri necessari per impedire l’evento. Il commento di G. Porreca.

 
 
 
Dalle riviste specializzate in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Si segnalano gli articoli “Calcestruzzo: Forniture senza rischi” (E. Baron), “I contratti di lavoro accessori e la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori” (C. Frascheri), “Quando Pericolo fa rima con Altezza” (L. Asiani, D. De Sio e D. Romeo), “Sicurezza a bordo delle navi cambia la formazione del personale” (P. Verna).

 
 
 
Sentenza Cassazione (443): sulla non punibilità per la particolare tenuità del fatto per violazioni ex D. Lgs. n. 81/2008 - Sezione VII penale - Commento a cura di G. Porreca.

La Corte di Cassazione ha fornito in una recente sentenza un chiarimento sull’applicazione della non punibilità per la particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis del codice penale nel caso di violazioni in materia di sicurezza sul lavoro. E' preclusa l'applicazione se le violazioni non sono state rimosse. Il commento di G. Porreca.

 
 
 
Convegno Vega sulla valutazione del rischio da campi elettromagnetici Treviso 23 maggio 2016.

Vega Formazione organizza un Convegno sul tema “Campi elettromagnetici: come valutare il rischio ai sensi della direttiva 2013/35/UE?” che si svolgerà a Quinto di Treviso (TV) presso il BHR Treviso Hotel. Saranno approfonditi gli aspetti legislativi e tecnici relativi alla valutazione del rischio da campi elettromagnetici. 

 
 
 
Elaborato dall'Inail un Quaderno sui “Sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto”.

Elaborato dall'Inail un Quaderno sui “Sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto”. E' uno strumento utile per la formazione dei datori di lavoro, dei committenti e dei lavoratori  grazie ad una serie di immagini ad alta risoluzione che rendono efficaci le informazioni sul corretto utilizzo dei sistemi di protezione,

 
 
 
Sentenza Cassazione (442e): sulla delega di funzioni dal committente al coordinatore per l'esecuzione - Sezione IV penale - Commento a cura di G. Porreca.

L’obbligo di vigilare sull’operato delle ditte esecutrici nei cantieri temporanei o mobili non può essere oggetto di delega dal committente al coordinatore per l’esecuzione essendo previsto in capo allo stesso direttamente dalla legge in via originaria. Si è così espressa la Corte di Cassazione in una recente sentenza. Il commento di G. Porreca.

 
 
 
Modificato dall’Inail il bando e prorogati i termini per i progetti formativi in materia di sicurezza sul lavoro.

Pubblicato sulla G.U. del 15/4/2016 un comunicato con il quale l’Inail ha annunciato che sono state apportate alcune modifiche al bando per il finanziamento di progetti formativi dedicati alle piccole, medie e micro imprese e che il termine di presentazione delle domande di partecipazione è stato prorogato alle ore 13.00 del 10 giugno 2016.

 
 
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
DICONO DI NOI
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 aggiornato a settembre 2015 con i decreti attuativi del Jobs Act
 
     Consulta
 
Sentenza Cassazione (434): sugli obblighi di vigilanza da parte del datore di lavoro diretto o a mezzo del preposto - Sezione IV penale - Sentenza n. 47742 del 2 dicembre 2015.
 

Al di là di una eventuale e imprevedibile negligenza, o imprudenza dei lavoratori nello svolgimento della loro mansione il datore di lavoro deve controllare personalmente o a mezzo dei preposti che le operazioni lavorative avvengano in sicurezza.

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (411): sulla valutazione del rischio chimico alla luce della nuova classificazione delle sostanze e miscele chimiche introdotta dal Regolamento CLP.
 

Con riferimento alla nuova classificazione in CLP delle sostanze chimiche considerato che, allo stato attuale, tanti produttori rilasciano le schede di sicurezza ancora con la vecchia classificazione, come si può effettuare la valutazione del rischio chimico, che secondo la richiesta del cliente, deve essere in linea con la nuova normativa/classificazione? Può essere di tipo misto e cioè basata sia sulla vecchia che sulla nuova classificazione oppure è sbagliato operare in tal modo?
Risposta a cura di G. Porreca
     Sono appena entrate in vigore le modifiche apportate dal D. Lgs. 15/2/2016 n. 39 al testo del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. relative all’utilizzo delle sostanze pericolose che già è pervenuto un quesito da un lettore il quale chiede dei chiarimenti, considerato che tanti produttori continuano a rilasciare le schede di sicurezza ancora con la vecchia classificazione, su come effettuare la valutazione del rischio chimico alla luce della nuova classificazione delle sostanze e delle miscele chimiche introdotta dal Regolamento CE n. 1272/2008 CLP. Con il nuovo Regolamento, infatti, sono state modificate..................

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it