17 luglio 2024

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Massimario
 
Ordine cronologico
 
>Cassazione
 
>2024
>2023
>2022
>2021
 
 
>2020
>2019
>2018
>2017
>2016
>2015
>2014
>2013
>2012
>2011
>2010
>2009
>2008
>2007
>2006
>2005
>2004
>2003
>2002
 
>Consiglio di Stato
 
>Corte di Assise
 
>Tribunali
 
>Corte costituzionale
 
>Corte Europea
 
Per argomento
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
E' accaduto
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 
 

Accessi:
2931132
 
 
 
Utenti online:
7
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
REPERTORIO DELLE SENTENZE  |  ORDINE CRONOLOGICO  |  CASSAZIONE  |  2021 
 
 
 
Sentenza Cassazione (713): Sulla individuazione delle responsabilità del Sindaco per l’infortunio di un dipendente comunale .- penale Sezione IV n. 42062 del 18 settembre 2021

Come fare per individuare le posizione di garanzia in materia di sicurezza sul lavoro e i soggetti deputati alla gestione del rischio in una struttura complessa come quella di un ente comunale? Lo ha suggerito in una recente sentenza la Cassazione  chiamata a decidere su di un ricorso presentato dal Sindaco di un Comune condannato per l'infortunio mortale di un dipendente. Il testo e il commento a cura di G. Porreca.

 
   
 
Sentenza Cassazione (712): Un caso di colpa esclusiva del lavoratore infortunato e di non responsabilità del datore di lavoro - penale Sezione IV n. 33976 del 15 settembre 2021

Non è responsabile il datore di lavoro per l'infortunio accaduto a un lavoratore che per delle lavorazioni non ha utilizzato un  macchinario previsto nel dvr ma uno scelto di sua iniziativa che ha determinato il rischio che ha portato all’infortunio.

 
   
 
Ordinanza Cassazione (709): Sulla indennizzabilità dell'infortunio occorso a un lavoratore nella pausa caffè - civile Sezione Lavoro n. 32473 dell'8 dicembre 2021

E' da escludere la indennizzabilità dell'infortunio subito da un lavoratore mentre si reca al bar nella pausa caffè dato che, esponendosi a un rischio non legato all'attività lavorativa, viene interrotta la connessione fra la stessa e l’incidente.

 
   
 
Sentenza Cassazione (704): Sul ruolo del committente in materia di sicurezza sul lavoro nell’evolversi della giurisprudenza - penale Sezione IV n. 46833 del 22 dicembre 2022

La scelta da parte del committente di un’impresa senza verificare la sua idoneità equivale in sostanza a una ingerenza nei lavori che fa assumere allo stesso una posizione di garanzia, dato che può determinare il loro svolgimento in condizioni di ‘insicurezza’.

 
   
 
Ordinanza Cassazione (703): Sulla responsabilità per un infortunio occorso presso un macchinario concesso in comodato - penale Sezione VII n. 45382 del 9 dicembre 2021

Il datore di lavoro ha l’obbligo di verificare l'adeguatezza funzionale e la sicurezza di una macchina ricevuta in comodato e risponde dell’infortunio accaduto a un dipendente durante il suo utilizzo se dovuto alla mancanza dei requisiti richiesti.

 
   
 
Sentenza Cassazione (702): sulla tutela sia della salute che della privacy di un lavoratore fragile - penale Sezione IV n. 26151 del 9 luglio 2021

La sorveglianza continuativa di un lavoratore fragile da parte di altri lavoratori, non potendo rendere nota la sua patologia senza il suo consenso, si può attuare organizzando il lavoro in modo che ciascuno di essi possa intervenire in caso di necessità.

 
   
 
Sentenza Cassazione (701): Sulla validità della idoneità tecnico-professionale dell’impresa affidataria - penale Sezione III n. 43604 del 26 novembre 2021

Per la verifica della idoneità tecnico-professionale di un’impresa affidataria non è sufficiente per il committente fare affidamento su quanto dalla stessa dichiarato. occorre farsi esibire invece la documentazione prevista dalle disposizioni di legge.

 
   
 
Sentenza Cassazione (700): Sulla responsabilità del rivenditore di una macchina per un infortunio accaduto presso la stessa - penale Sezione IV n. 42110 del 18 novembre 2021

Il rivenditore di una macchina risponde dell'infortunio accaduto presso la stessa a un lavoratore o anche a un esterno all’azienda se questa, benché munita di marcatura ce e di dichiarazione di conformità, non rispetta i requisiti di sicurezza richiesti.

 
   
 
Sentenza Cassazione (699): Sulla responsabilità del CSE per la mancata previsione nel PSC e nel POS di un’area di scarico in cantiere - penale Sezione III n. 37580 del 15 ottobre 2021

Il coordinatore per la sicurezza è corresponsabile con il datore di lavoro per un infortunio sul lavoro occorso durante le operazioni di carico e scarico se ha omesso di prevedere un’area ad esse destinata e a verificare che fosse stata indicata nel POS..

 
   
 
Sentenza Cassazione (698): Sulla responsabilità per un infortunio dovuto alla carenza di sicurezza di una macchina - penale Sezione IV n. 41147 del 12 novembre 2021

La responsabilità del costruttore di una macchina, nel caso di un infortunio legato a inosservanze di cautele infortunistiche nella sua fabbricazione, non esclude quella del datore di lavoro sul quale gravano comunque gli obblighi di sicurezza.

 
   
 
Sentenza Cassazione (697): Sui sistemi di protezione per impedire il contatto pericoloso con parti mobili di una attrezzatura di lavoro - penale Sezione IV n. 37819 del 21 ottobre 2021

In presenza di pericolosi contatti meccanici con elementi mobili di un'attrezzatura di lavoro questi devono essere dotati di protezioni o di sistemi protettivi che impediscano l'accesso alle zone pericolose o che arrestino i movimenti pericolosi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (696): Sul controllo da parte del committente delle capacità organizzative e operative dell’appaltatore- penale Sezione IV n. 38423 del 27 ottobre 2021

Il committente non può limitarsi a "confidare" che l'appaltatore abbia le competenze per procedere ai lavori sulla base esclusivamente dell'accettazione dell'incarico, ma è tenuto ad eseguire un controllo effettivo sulla sua struttura organizzativa.

 
   
 
Sentenza Cassazione (695): Sulla non punibilità del datore di lavoro per la mancata vigilanza dei lavoratori se presente il preposto - penale Sezione III n. 37564 del 15/10/2021

Non è punibile il datore di lavoro per non avere vigilato che i lavoratori rispettassero gli obblighi di sicurezza posti a loro carico se dimostra che in cantiere fosse presente il preposto dallo stesso nominato sul quale gravano le stesse incombenze.

 
   
 
Sentenza Cassazione (694): Sui limiti delle competenze del responsabile del servizio di prevenzione e protezione - penale Sezione III n. 37383 del 14/10/2021

Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione non ha l’obbligo di attuare le misure di prevenzione correttamente segnalate al datore di lavoro e indicate nel dvr ma da questi consapevolmente disattese né di vigilare sulla loro osservanza.

 
   
 
Sentenza Cassazione (693): Sulla responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio di un lavoratore in stato di ebbrezza - penale Sezione IV n. 35858 del 30/09/2021

Lo stato di ebbrezza, concausa nel determinismo di un infortunio accaduto a un lavoratore, certamente non rappresenta una condotta eccentrica e anomala tale da spezzare il nesso causale tra l'omissione addebitata al datore di lavoro e l'evento.

 
   
 
 
risultati da 1 a 15 di 48       pagina successiva
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it