24 giugno 2024

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Massimario
 
Ordine cronologico
 
>Cassazione
 
>2024
>2023
>2022
 
 
>2021
>2020
>2019
>2018
>2017
>2016
>2015
>2014
>2013
>2012
>2011
>2010
>2009
>2008
>2007
>2006
>2005
>2004
>2003
>2002
 
>Consiglio di Stato
 
>Corte di Assise
 
>Tribunali
 
>Corte costituzionale
 
>Corte Europea
 
Per argomento
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
E' accaduto
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 
 

Accessi:
2928482
 
 
 
Utenti online:
10
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
REPERTORIO DELLE SENTENZE  |  ORDINE CRONOLOGICO  |  CASSAZIONE  |  2022 
 
 
 
Sentenza Cassazione (758): Sull’estinzione dei reati in caso di mancato pagamento della sanzione amministrativa - penale Sezione III - n. 45433 del 30 novembre 2022

L'impossibilità di procedere al pagamento della sanzione amministrativa non costituisce causa di forza maggiore idonea a giustificare il mancato espletamento della procedura estintiva in materia di infortuni sul lavoro prevista dal D. Lgs. n. 758/1994.

 
   
 
Sentenza Cassazione (754): Sulla responsabilità dell’appaltatore per un rischio specifico nell’area di pertinenza del committente - penale Sezione IV - n. 48654 del 22 dicembre 2022

Gli obblighi dell’appaltatore non vengono meno per il semplice fatto che le lavorazioni si svolgano in un ambiente messo a disposizione dal committente, qualora il rischio da prevenire inerisca alla specifica lavorazione allo stesso commissionata.

 
   
 
Sentenza Cassazione (752): sulla colpa di organizzazione per individuare la responsabilità amministrativa di un ente - penale Sezione IV - n. 39615 del 20 ottobre 2022

Per sancire la responsabilità amministrativa di un ente ex D. Lgs. 231/2001 per un reato presupposto in materia di salute e sicurezza sul lavoro occorre configurare una “colpa di organizzazione” e approfondire sul concreto assetto dallo stesso adottato.

 
   
 
Sentenza Cassazione (747): Sulla responsabilità per l’infortunio di un lavoratore presso una macchina marcata “CE” - penale Sezione IV - n. 44561 del 23 novembre 2022

Il datore di lavoro risponde dell'infortunio occorso a un dipendente per la mancata sicurezza di una macchina senza che il marchio di conformità "ce" o l'affidamento sulla competenza tecnica del costruttore valgano ad esonerarlo dalle sue responsabilità.

 
   
 
Sentenza Cassazione (746): Sul principio della causalità additiva o cumulativa in materia infortunistica sul lavoro.- penale Sezione IV - n. 41340 del 3 novembre 2022

Quando ci sono più titolari della posizione di garanzia ovvero dell’obbligo di impedire un evento infortunistico ciascuno è per intero destinatario dello stesso e per andare esente da responsabilità non può invocare un eventuale subigresso di terzi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (745): Sulla responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio di un lavoratore non formato.- penale Sezione IV - n. 39489 del 19 ottobre 2022

Il datore di lavoro che non adempie agli obblighi di informazione e formazione risponde dell'infortunio di un lavoratore dipeso da una condotta imprudente, trattandosi di una conseguenza diretta e prevedibile della inadempienza degli obblighi formativi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (744): Sulla responsabilità del RSPP per un infortunio dovuto a una situazione pericolosa non segnalata.- penale Sezione IV - n. 45135 del 28 novembre 2022

Il RSPP può essere considerato responsabile del verificarsi di un infortunio, anche in concorso col datore di lavoro, ogni volta che esso sia oggettivamente riconducibile ad una situazione pericolosa che avrebbe avuto l'obbligo di conoscere e segnalare.

 
   
 
Sentenza Cassazione (743): Sulla nozione di “luogo di lavoro” ai fini dell’applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 - penale Sezione IV - n. 44654 del 24 novembre 2022

Nella nozione di "luogo di lavoro", ai fini dell'applicazione delle misure antinfortunistiche, rientra ogni luogo in cui venga svolta e gestita una qualsiasi attività lavorativa indipendentemente dalle finalità della struttura in cui essa si esplichi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (742): Sulla responsabilità del preposto per non aver vigilato sulle operazioni svolte dal lavoratore infortunato - penale Sezione IV - n. 42035 del 8 novembre 2022

Il preposto è deputato alla vigilanza dell'osservanza delle misure di prevenzione, atteso che lo stesso obbligo datoriale di vigilanza può ritenersi assolto solo in caso di attuazione di un sistema di controllo effettivo e adeguato al caso concreto.

 
   
 
Sentenza Cassazione (741): Sulla responsabilità per il decesso di un lavoratore in un cantiere edile dovuto a un “colpo di calore” - penale Sezione IV - n. 30789 del 9 agosto 2022

Per configurare la responsabilità per un infortunio non occorre che sia integrata la violazione di specifiche norme di prevenzione essendo sufficiente che l'evento si sia verificato a causa dell'omessa adozione di misure di cui all'art. 2087 cod. civ..

 
   
 
Sentenza Cassazione (740):Sulla responsabilità per un infortunio accaduto durante i lavori lungo una linea ferroviaria - penale Sezione IV - n. 40074 del 24 ottobre 2022

Per l'infortunio di un lavoratore accaduto per il sopraggiungere di un convoglio durante un sopralluogo per i lavori di rifacimento della massicciata di una linea ferroviaria risponde il capo tronco FS o è avvenuto per il comportamento abnorme del lavoratore?

 
   
 
Sentenza Cassazione (739):Sulla non responsabilità del committente per l’infortunio di un lavoratore in un cantiere edile - penale Sezione IV - n. 39485 del 19 ottobre 2022

In tema di infortuni sul lavoro il dovere di sicurezza gravante sul datore di lavoro opera anche in relazione al committente dal quale non può tuttavia esigersi un controllo pressante, continuo e capillare sull'organizzazione e sull'andamento dei lavori.

 
   
 
Sentenza Cassazione (737): Sull’aggiornamento periodico della valutazione dei rischi e della redazione del DVR - penale Sezione IV - n. 36785 del 29 settembre 2022

Sul datore di lavoro grava l'obbligo giuridico di analizzare secondo la migliore evoluzione della scienza tecnica tutti i fattori di pericolo concretamente presenti all'interno dell'azienda, di redigere il DVR e di sottoporlo ad aggiornamenti periodici.

 
   
 
Sentenza Cassazione (736): sulla non responsabilità del datore di lavoro per la mancata adozione di misura cautelare individuata “nel senno di poi”.- penale Sezione IV - n. 34944 del 21 settembre 2022

La regola cautelare che si assume violata nel caso di un infortunio deve essere individuata prima del fatto, nel senso che il comportamento doveroso basato sulla diligenza, prudenza e perizia deve essere desunto in concreto "ex ante" giammai "ex post".

 
   
 
Sentenza Cassazione (735): Sulla figura del datore di lavoro in una impresa strutturata come persona giuridica.- penale Sezione IV - n. 33547 del 13 settembre 2022

In una impresa strutturata come persona giuridica, il destinatario delle normativa antinfortunistica è il suo legale rappresentante. é sullo stesso che ricade l'onere di dimostrare che dalla sua qualifica non discende anche quella di datore di lavoro.

 
   
 
 
risultati da 1 a 15 di 42       pagina successiva
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it